Accesso Civico

 

Accesso civico

L’accesso civico e le modalità di esercizio sono disciplinati dall’articolo 5 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 e i casi di esclusione all’articolo 5bis.

Tale istituto è un diritto a titolarità diffusa, attivabile da chiunque, non essendo condizionato dalla titolarità di situazioni giuridicamente rilevanti, senza necessità di motivazione e ha ad oggetto tutti i dati, documenti e informazioni detenuti dalle pubbliche amministrazioni, indipendentemente dal fatto che gli stessi siano oggetto di obblighi di pubblicazione ai fini della trasparenza.

L’istanza di accesso civico è presentata di preferenza all’ufficio Segreteria generale, programmazione e controllo strategico ovvero all’ufficio che detiene i dati, le informazioni o i documenti con una delle seguenti modalità:

Nell’ipotesi in cui l’istanza sia rifiutata o l’amministrazione non risponda entro il termine, il richiedente può presentare richiesta di riesame al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, che decide con provvedimento motivato entro il termine di venti giorni. 

In questa pagina è possibile trovare la seguente documentazione:

  • modello di istanza di accesso civico ;
  • modello di richiesta di esame di istanza di accesso civico ;

  • registro delle richieste di accesso civico.